Tendinopatia calcifica

La tendinopatia calcifica della spalla è una patologia dall’origine sconosciuta, è caratterizzata dall’accumulo di depositi di calcio nei tendini della cuffia dei rotatori.  Le cause che portano al deposito di calcio non sono ancora del tutto chiare, esistono diverse ipotesi scientifiche, ma nessuna è completamente soddisfacente.

Sappiamo invece che la calcificazione degenerativa è dovuta al processo di invecchiamento dei tendini, e la  tendinopatia calcifica propriamente detta è dovuta alla trasformazione di alcune cellule tendinee in cellule produttrici di calcio.
Movimenti ripetitivi di elevazione della spalla sopra i 90°, traumi, sollevamento di carichi pesanti e alcune patologie metaboliche sembrerebbero aumentare l’esposizione ai pazienti ad un rischio maggiore di sviluppare calcificazioni.

Spesso la calcificazione si presenta con un dolore acuto ed insopportabile, localizzato nella parte anteriore della spalla, aumenta con i movimenti dell’articolazione, che quindi si riducono, rendendo difficile anche le più semplici attività quotidiane. Spesso il dolore è presente anche durante le ore notturne. Il trattamento può essere di tipo conservativo, tramite farmaci e cicli riabilitativi; chirurgico o mini-invasivo con l’asportazione delle calcificazioni tramite intervento.